Cane che tira al guinzaglio

Sostengo con certezza che l’educazione di un animale debba essere iniziata e perfezionata in casa, o nel giardino di proprietà, e solo in un secondo tempo in strada e nei luoghi pubblici. Il motto che ricordo ai clienti è “PRIMA IN CASA, DOPO IN STRADA”.
La deferenza, il fatto cioè che l’animale debba considerare il proprietario un valido referente, deve essere la base del corretto comportamento dell’animale. Si deve manifestare verso ogni membro della famiglia ed in ogni momento relazionale con l’uomo. Trovo inutile e compromettente la serenità famigliare pretendere che un cane tenga un comportamento corretto in strada, al guinzaglio, quando non è abituato a tenerlo in casa. E’ vantaggioso per giungere a questo seguire con profitto un valido percorso educativo per giungere a questo stadio di relazione. Quando le relazioni con l’animale sono incoerenti, cioè gli vengono inviati segnali confusi, il risultato è quello di accentuare l’ansia e l’agitazione dell’animale. Consiglio di curare questo aspetto prima che il comportamento del cane si radichi con sempre maggiore determinazione. E’ indispensabile adottare il principio psicologico di divenire la guida stimata del cane, proponendosi in ogni occasione sicuri e determinati, evitando ogni tipo di violenza e di abuso, evitando di sbraitare ordini a caso, senza la certezza che essi vengano eseguiti. Un accorgimento molto valido è quello di togliere ogni responsabilità al cane, con questo privandolo di ogni possibile velleità di porsi come antagonista nei vostri confronti. Solo quando avrete in pugno la situazione, il cane vi sentirà determinante per la sua vita, e sarà tranquillo e rilassato anche negli spazi pubblici.

Dottor Alberto Franchi medico veterinario a Verona
Ambulatorio Veterinario Borgo Venezia - Via Felice Casorati 19 - Verona
Ambulatorio Veterinario Borgo Trento Via Vittorio Locchi 32 - Verona
Telefono per appuntamenti e reperibilità: 3479729098